Pagamenti Digitali aiuteranno Notre Dame

Dopo che gran parte di Chicago fu distrutta nel 1871, la ricostruzione della città coinvolse varie strategie di raccolta fondi e restaurative. Uno sforzo famoso ha preso la forma di libri donati inviati da persone comuni (e reali) nel Regno Unito per aiutare a costruire una nuova biblioteca libera e pubblica nella capitale del Midwest – un gesto che può ancora far sorridere la gente del posto con soggezione e gratitudine.

Ora, mentre la Cattedrale di Notre Dame a Parigi continua a bruciare dal fuoco catastrofico di lunedì (15 aprile), ci sono buone probabilità che i futuri parigini e cittadini francesi ricordino i doni digitali verso il restauro che stanno iniziando a riversarsi da tutto il mondo. I pagamenti digitali promettono di svolgere un ruolo significativo nella ricostruzione, così come altre tecnologie digitali – in un momento in cui gli enti di beneficenza e gli sforzi di raccolta fondi in tutto il mondo stanno ancora lottando per ottenere il massimo dai metodi di marketing e di pagamento digitali.

È troppo presto per parlare dei numeri, ma nelle ore successive a quando le immagini di quell’incendio sono state inviate in tutto il mondo, un certo numero di organizzazioni ha creato pagine di donazione sui propri siti web nella speranza di aiutare l’eventuale restauro di Notre Dame.

pagamenti-digitali

Siti di donazione

Quelle entità includono la Basilica del Santuario Nazionale dell’Immacolata Concezione (che ha bottoni di donazione che vanno da $ 25 a $ 10.000), gli Amici di Notre Dame (che accetta donazioni tramite assegno, ma ha anche in evidenza vari metodi di pagamento digitali) e il Notre Dame Fire Restoration Fund (parte della French Heritage Society, che afferma di aver contribuito a finanziare circa 600 restauri).

LEGGI ANCHE >> Come Pagare con lo SmartphoneInvestire risparmi

Inoltre, diversi milionari e miliardari francesi hanno già promesso ingenti fondi per i restauri della cattedrale iconica.

L’incendio è un evento che cattura facilmente l’attenzione globale, e ci sono buone ragioni per pensare che una buona parte dei costi di restauro deriverà da donazioni online relativamente piccole da parte di persone non abbienti – semmai, il canale digitale offre un modo per quelli persone (molte delle quali senza dubbio hanno bei ricordi di visitare Notre Dame) per sentirsi parte del progetto di restauro generale, qualunque sia la forma che assume. (E anche una scansione digitale 3D della cattedrale completata da un professore scomparso di recente sembra essere di aiuto nella ricostruzione e nel restauro.)

In generale, tuttavia, varie relazioni e analisi sull’intersezione dei pagamenti e delle organizzazioni di beneficenza digitali hanno rilevato che – nelle parole di uno di questi rapporti – “la raccolta di fondi digitali rimane una piccola parte del reddito totale per la raccolta di fondi”. Ancora di più, osserva il rapporto, “Non ci sono equivalenti di beneficenza digitali su Amazon e Facebook” o altre aziende della Big Tech . “Mentre le nostre vite personali e il mondo degli affari sono stati trasformati dal digitale, gli enti di beneficenza rimangono in gran parte intatti. Alcuni miglioramenti e miglioramenti di sicuro, ma rivoluzione o addirittura trasformazione certamente no. ”

Le abilità sono carenti

Parte del problema deriva dall’incapacità delle organizzazioni caritatevoli di attrarre abbastanza professionisti con competenze digitali, secondo altri rapporti. Un sondaggio condotto alla fine dello scorso anno ha rilevato che il 75% degli enti di beneficenza aveva nel proprio lavoro “pochissime persone con competenze digitali” e che il 77% delle organizzazioni di beneficenza si affidava a consigli di amministrazione e altri dirigenti per orientarsi su come muoversi nel mondo in espansione del commercio digitale e dei pagamenti . Tuttavia, anche con questa guida, il 63% delle organizzazioni di beneficenza non ha strategie digitali.

Ciò non vuol dire che dare beneficenza è estraneo agli ambienti digitali che consumano sempre più vite quotidiane dei consumatori. Abbiamo praticamente visto tutte le richieste di donazioni su Facebook da parte di amici e parenti che festeggiano i compleanni o semplicemente vogliono raccogliere fondi per una causa preferita.

I consumatori possono aspettarsi di vederne di più su comuni ritrovi e destinazioni digitali. Instagram, ad esempio, ha recentemente annunciato che avrebbe lanciato un adesivo Fundraiser. Le fonti  hanno riferito che il nuovo codice e le immagini trovate nell’app  per Android di Instagram mostrano come un utente può cercare organizzazioni non profit o sfogliare raccolte di enti di beneficenza suggeriti. Una volta selezionato un ente di beneficenza, l’utente può posizionare un adesivo del pulsante Donazione sulla propria storia di Instagram in modo che i follower possano cliccarlo per contribuire.

Inoltre, stanno emergendo collegamenti tra pagamenti digitali e donazioni più caritatevoli. Prendiamo l’esempio di NMI, una società di abilitazione al commercio, dalla fine dello scorso anno. Ha implementato e installato punti di donazione contactless a Bristol per un evento di beneficenza e ha raccolto il 309% in più di denaro rispetto a pochi anni fa senza di loro. La società ha collaborato con The Grand Appeal diWallace & Gromit  , un ospedale pediatrico del Regno Unito, e ha installato le macchine lungo un famoso percorso scultoreo in città. I pagamenti senza contanti sono popolari nel Regno Unito, con una transazione su due in negozio e due su cinque con le  transazioni Visa .

Tutte le indicazioni indicano un lungo e costoso restauro di Notre Dame a Parigi, e mentre molte di queste spese saranno probabilmente gestite dallo stato francese, dalla Chiesa cattolica e da alcuni dei più ricchi cittadini francesi, quasi sicuramente ci si aspetta che i fondi arrivino digitalmente da una varietà di “gente comune” da tutto il mondo.

Pagamenti Digitali aiuteranno Notre Dameultima modifica: 2019-04-17T10:07:29+02:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento