Partito Islamico Italiano: pro e contro

La formazione di un Partito Islamico Italiano é l’ inevitabile conseguenza dei flussi migratori che arrivano dai paesi dove è presente un gran numero di musulmani.

Per la verità, finora non esistono partiti Islamici in Europa, anche se ci sono delle congregazioni di musulmani particolarmente numerose in Francia, Inghilterra, Germania ed Italia, quindi di una formazione di questo partito in Italia ancora non se ne parla, anche se basterbbe pochissimo per crearlo.

D’altronde non ci sarebbe nulla di strano che, come fu per la Democrazia Cristiana, un partito politico italiano si ispirasse ad una dottrina religiosa.

Bene, anzi: male.

Partito Islamico Italiano

Partito Islamico Italiano

Male perché ci sono voluti secoli e migliaia di morti agli italiani per togliersi di mezzo lo Stato della Chiesa, cioè uno Stato teocratico che ha dominato per quasi 2 mila anni l’Italia, d’altronde l’Islam é una religione fondata per essere teocratica, questo ce lo insegna direttamente l’esempio di Maometto che era a capo di un esercito di 40 mila uomini, che con la sua religione ha convertito in poco tempo centinaia di migliaia di persone, con le buone o le cattive ed ha instaurato un Califfato durato secoli , situato tra Arabia, Africa, Medio Oriente e Turchia, dove è ufficialmente finito nel 1924 ( anche se in questi ultimi mesi c’è un Nuovo Califfato ,  inaugurato nei territori tra Siria ed Iraq) e ci sono paesi come l’Iran e l’Arabia Saudita che usano la legge coranica ( la sharìa) quale legge tout court.

I Partiti Islamici hanno in sé proprio lo scopo finale di islamizzare una nazione, ma la cosa non é così semplice e lineare come Noi intendiamo e come é stata per la Nostra esperienza storica con quello che oggi é il Vaticano

L’islam infatti é la più avanzata delle 3 religioni del Libro, che si ispira direttamente sia all’ebrismo che al cristianesimo, ma è estremamente più complessa delle prime due. L’Islam non é una sola e semplice religione, nonostante si riferisca ad un solo ed unico testo: Il Corano, Corano che però viene interpretato in modo diverso da Stato a Stato, da gruppo etnico a gruppo etnico da Mullah a Imam.

Su queste distizioni torneremo in un altro post, quello che a Noi serve sapere è che una volta che entra in politica un partito islamico, allora anche la società dovrà piegarsi alle tante regole che l’Islam impone, o che comunque influirà non poco nella stesura di leggi e consuetudini.

Partito Islamico Italiano: pro e controultima modifica: 2015-01-08T19:08:02+00:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Partito Islamico Italiano: pro e contro

  1. Pingback:

  2. Pingback:

Lascia un commento