Proteste in Romania contro la miniera d’oro

Proteste in Romania contro la miniera d'oro

Update: il premier dei socialdemocratici romeni ha detto che la miniera non si farà più, dopo questi importanti proteste hanno vinto i ‘No Tav romeni’, come qualcuno già li chiama.

Piuttosto singolare che un’enorme protesta in un paese della CEE come la Romania, molto vicino all’Italia per culture e politica, ma sopratutto per popolo ( oltre 1 milione di romeni vivono e lavorano stabilmente in Italia) non venga messa nella prima pagina di tutti i quotidiani italiani.

Non c’è nemmeno in seconda in effetti: andando a certare su internet pochi quotidiani se ne occupano, come Il Post ed Euronews .

Ma cosa sta accadendo in Romania?

In Romania, una grande compagnia canadese vuole costruire una miniera d’oro.

Questa sarà la più grande miniera d’oro europea, e verrà costruita in Translivania, uno dei luoghi più amati dai romeni.

La Transilvania infatti costituisce uno dei posti più caratteristici per il turismo in Romania, portata alla ribalta internazionale dal personaggio di Dracula oggi è una delle mete nazionali ed internazionali più frequentate dai turisti che voglio visitare questo paese.

La compagnia, da canto suo, si difende sostenendo che la miniera d’oro poterà molto lavoro in questo paese.

Gli ambientalisti sostengono che il delicato equilibrio naturale potrebbe essere rovinato da un’opera così maestosa, specialmente per il largo uso di cianuro che si dovrebbe fare al momento in cui si andrebbe a cercare l’oro.

Proteste in Romania contro la miniera d'oro

Ormai sono giorni che nelle strade di Bucarest migliaia di giovani si danno appuntamento per fare una protesta pacifica contro la miniera d’oro e a favore della natura

romania

La protesta in Romania cavalca l’hashtag #roşiamontană , se andrete a cercare questo hashtag nei vari social network troverete molto materiale pubblicato.

La societa’ canadese Gabriel Resources prevedeva di estrarre centinaia di tonnellate d’oro e di argento dalla miniera, per la quale era previsto l’impiego di 12 mila tonnellate di cianuro all’anno. Il progetto avrebbe comportato il trasferimento forzato di centinaia di famiglie e la distruzione di alcune montagne della zona.

Proteste in Romania contro la miniera d’oroultima modifica: 2013-09-10T01:49:00+00:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento