Pashtunwali; il codice della vita Afghano: conosciamo l’Islam

L’Islam é grande quanto il mondo, e non ce n’è solo uno, sono tanti Islam, ci sono infatti diversi tipi di fede, dall’Islam moderato giordano a quello intransigente saudita, a quello integralista talebano a quello violento del nuovo Califfato, per non parlare dei due principali ‘filoni’ islmamici: sciiti e sunniti.

Chi dice di essere un vero esperto di Islam mente, invece colui che dirà di essere uno studioso, profondo dell’Islam allora potrà avere credito.

Oltre il Corano e la Summa, i principali testi islamici infatti, in questa religione si permeano le culture locali, come quella Pashtun che già aveva le sue leggi pre-islamiche, che quindi si fondono con l’Islam e vanno a formare un tutt’uno.

Oggi conosceremo la cultura Pashtun.

La lingua Pashtun é parlata da circa 50 milioni di persone che abitano tra Afghanistan e Pakistan. E’ un popolo nobile e fiero delle proprie tradizioni, a cui é difficile mettere un cappio al collo: ci hanno provato Scià, condottieri, Inglesi, Re, cinesi, Gran Khan , Mongoli, Imam, Talebani, Usa, Nato, Pakistan, ma é un popolo che si riconosce come tale da almeno 3.000 anni , che vive nelle montagne a cavallo tra queste 2 nazioni e la Cina, montagne impervie ora che siamo nel 3° millenio dopo Cristo, pensate cosa poteva essere andare da quelle parti, a fare cosa, poi? Il testo Marco Polo ci descrive bene queste persone, il loro senso di ospitalità ed il Loro senso della vita.

pashtun

Pashtun people

In questi 3 millenni i Pashtun si sono dati una legge non scritta, in effetti questa popolazione non ha una vera e propria cultura scritta, ma ce l’ha ben definita sotto altri aspetti, come il CODICE DELLA VITA, il PASHTUNWALI:

Anche se non esclusiva, i seguenti principi undici costituiscono i principali componenti di pashtunwali. Essi sono diretti con le parole della lingua pashto che significa funzioni tribali pashtun individuali o collettivi.

  1. Melmastia (ospitalità) – Mostrare ospitalità e profondo rispetto a tutti i visitatori, senza distinzione di razza, religione, appartenenza nazionale o condizione economica e di farlo senza alcuna speranza di retribuzione o di favore. Il Pashtun andrà di tutto per dimostrare la loro ospitalità.
  2. Nanawatai (asilo) – deriva dal verbo che significa andare in , questo si riferisce alla protezione accordata ad una persona contro i suoi nemici. Le persone sono protetti a tutti i costi; anche quelli che va dalla legge deve essere data rifugio fino alla situazione può essere chiarita. Nanawatai può essere utilizzato anche quando il partito vinti in una controversia è pronto per andare a casa dei vincitori e chiedere loro perdono: questo è una forma peculiare di resa “cavalleresco”, in cui un nemico cerca “santuario” presso la casa del loro nemico. Un esempio notevole è quella del Navy Petty Officer First Class Marcus Luttrell , l’unico superstite di un US Navy SEAL squadra un’imboscata da combattenti talebani. Ferito, ha eluso il nemico ed è stato aiutato da membri della tribù Sabray che lo hanno portato al loro villaggio. Il capo tribù lo proteggeva, difendersi da tribù attaccanti fino parola è stato inviato alle vicine forze statunitensi.
  3. Nyaw aw Badal (giustizia e la vendetta) – per chiedere giustizia o prendere la vendetta contro il malfattore. Nessun limite di tempo limita il periodo in cui può essere preso vendetta. Giustizia in bisogni lore pashtun elaborando: anche una semplice provocazione (o “Peghor / پېغور”) conta come un insulto, che di solito può essere sanata solo versando il sangue del insulta. Se è fuori portata, il suo rapporto più vicino maschio deve soffrire invece la pena. Badal può portare a faide che possono durare generazioni e coinvolgere intere tribù con la perdita di centinaia di vite. Normalmente faide in questa società dominata dagli uomini sono risolte in un certo numero di modi.
  4. Turah (coraggio) – Un pashtun deve difendere la sua terra, la proprietà, e la famiglia dalle incursioni. Egli deve sempre stare coraggiosamente contro la tirannia ed essere in grado di difendere l’onore del suo nome. La morte può seguire se qualcuno offende questo principio.
  5. Sabat (fedeltà) – pashtun devono la fedeltà ai loro familiari, amici e membri della tribù. Pashtun può mai diventare sleale in quanto questa sarebbe una questione di vergogna per le loro famiglie e loro stessi.
  6. Khegaṛa / Shegara (giustizia) – Un pashtun deve sempre lottare per il bene nel pensiero, parola e azione. Pashtun devono comportarsi rispettosamente verso le persone, verso gli animali e per l’ambiente che li circonda. Inquinamento dell’ambiente o la sua distruzione è contro la pashtunwali.
  7. Groh (fede) – contiene più ampia nozione di fiducia o fede in Dio (noto come ” Allah “in arabo e ” Khudai “in Pashto). Il concetto di fiducia in un Creatore comporta generalmente la islamica idea di credere in solo solo Dio ( il Tawhid ).
  8. Pat, Wyaaṛ aw Meṛaana (rispetto, l’orgoglio e il coraggio) – pashtun deve dimostrare coraggio [مېړانه]. Il loro orgoglio [وياړ], ha una grande importanza nella società pashtun e deve essere preservato. Essi stessi e gli altri devono rispettare per poter essere in grado di farlo, soprattutto quelli che non sanno. Il rispetto comincia a casa, tra familiari e parenti. Se uno non ha queste qualità non sono considerati degni di essere un pashtun.
  9. Naamus (protezione delle donne) – Un pashtun deve difendere l’onore delle donne a tutti i costi e li deve proteggere da offese orali e fisiche.
  10. Nang (onore) – un pashtun deve difendere i deboli intorno a lui.
  11. Hewaad (paese) – un pashtun è obbligato a proteggere la terra dei pashtun. Difesa della nazione significa la difesa della cultura Pashtun o “hasob” [هڅوب], connazionali o “hewaadwaal” [هيوادوال], e del sé o “zaan” [ځان]. Questo principio è anche interconnesso ad un altro principio che denota l’attaccamento di un pashtun verso la sua terra o ZMAKA fonte: wikipedia
Pashtunwali; il codice della vita Afghano: conosciamo l’Islamultima modifica: 2015-01-23T14:24:17+00:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento