L’Osservatorio volante per l’Astronomia all’infrarosso SOFIA

L'Osservatorio volante per l'Astronomia all'infrarosso SOFIAQuesto nuovo osservatorio volante all’infrarosso sta cambiando lentamente la concezione per cui per osservare i fenomeni nello spazio bisogna andare proprio nello..spazio.

Sofia è già da qualche anno che funziona ma solo recentemente gli scienziati si stanno rendendo conto delle grandi possibilità che si possono avere trasportando  un osservatorio all’infrarosso nella stratosfera, a 12mila metri da terra.

Osservatorio stratosferico per astronomia all'infrarosso (SOFIA)L’Osservatorio stratosferico per astronomia all’infrarosso (SOFIA) è un progetto comune della NASA e il Centro aerospaziale tedesco (DLR) per costruire e mantenere un osservatorio in volo. La NASA ha assegnato il contratto per lo sviluppo del velivolo, il funzionamento dell’osservatorio e della gestione della parte americana del progetto per l’Università Space Research Association (USRA) nel 1996. La DSI (Deutsches Institut SOFIA) gestisce le parti tedesche del progetto che sono in primo luogo la scienza e telescopio connessi. Il telescopio di SOFIA ha visto la prima luce il 26 maggio 2010. Sofia è il successore del Airborne Observatory Kuiper.

SOFIA è basato su una 747SP aeromobile wide-body Boeing che è stato modificato per includere una grande porta nella fusoliera di poppa che può essere aperto in volo per consentire un diametro di 2,5 metri verso il cielo.
Questotelescopio è stato progettato per le osservazioni astronomiche a infrarossi nella stratosfera a un’altitudine di circa 41.000 piedi (circa 12 km). Capacità di volo SOFIA permette di superare quasi tutto il vapore acqueo nell’atmosfera terrestre, che blocca alcune lunghezze d’onda infrarosse di raggiungere il terreno. Alla quota di crociera del velivolo, l’85% del campo infrarosso completo sarà disponibile.

Il velivolo può anche viaggiare a quasi qualsiasi punto sulla superficie della Terra, permettendo l’osservazione dagli emisferi nord e sud.
Una volta pronti per l’uso, l’aspettativa è per osservare voli da percorrere 3 o 4 notti a settimana per i prossimi 20 anni. SOFIA è ora basato a Dryden Aircraft Operations Facility della NASA a LA / Palmdale Regional Airport, California, mentre il personale della NASA Ames Research Center, a Mountain View, in California, azionare il SOFIA Science Center, dove sono previste missioni di osservazione astronomica per l’osservatorio volante
Gli obiettivi scientifici primari di Sofia sono di studiare la composizione delle atmosfere planetarie e le loro superfici, per indagare la struttura, l’evoluzione e la composizione delle comete, per determinare la fisica e la chimica delle stelle, e di esplorare la formazione di stelle e altri oggetti stellari .

Mentre le operazioni degli aeromobili SOFIA sono gestite dalla NASA Dryden, Ames Research Center della NASA a Mountain View, in California, è sede del SOFIA Science Center che gestirà la pianificazione di missione per il programma.

L’Osservatorio volante per l’Astronomia all’infrarosso SOFIAultima modifica: 2013-07-03T09:28:00+00:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento