Don Puglisi Beato, un esempio per cattolici e laici

Don Puglisi Beato, un esempio per cattolici e laiciFu ucciso a Palermo, dalla mafia il giorno del suo compleanno: il 15/09/1993, aveva 56 anni.

Don Pino Puglisi era quello che si definisce un prete di frontiera, che con la sua evangelizzazione e il suo impegno sociale ha sempre certato di combattere la povertà e l’ignoranza, fonti della criminalità; ma non lo faceva in un paese del terzo mondo, lo faceva in uno dei quartieri più poveri e degradati di Palermo: il Brancaccio.

Don Puglisi incentrava la sua opera verso i bambini, che lui stesso definiva così: ” …E’ una terra di nessuno. I bambini vivono in strada. E dalla strada imparano solo le lezioni della delinquenza: scippi, furti…”

Don Puglisi prendeva questi bambini sbandati, e attraverso giochi ed educazione insegnava loro l’onore ed il rispetto, ma non quello che insegna la mafia attraverso la violenza e l’intimidazione, ma attraverso l’esempio di una vita onesta e semplice, che rispetta le regole, basati su valori fondanti quali la famiglia e il proprio onesto lavoro, anche se umile…

don puglisiIn questo modo toglieva la manovalanza alla mafia, e toglieva l’ascendente che la mafia aveva ed ha nelle fasce sociali più povere che, per emergere cercano di fare soldi anche mettendosi a delinquere.

Don Puglisi era un insegnante, il giorno che fu ucciso insegnava già da diversi anni presso un istituto di scuola superiore.

Il 25 Maggio 2013 ci sarà una grande festa a Palermo: si prevedono addirittura 100.000 persone alla sua BEATIFICAZIONE.

Il Killer di Don Puglisi, che poi ha poi confessato, ha detto che quando la sera del 15 settembre di 30 anni fa, alle 20,45 si é avvicinato al prete che stava rientrando presso la sua abitazione e lo ha chiamato per nome, vedendolo, Don Pino ha detto “me lo aspettavo“….

Il 28 giugno 2012 Papa Benedetto XVI, durante un’udienza con il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha concesso la promulgazione del decreto di beatificazione per il martirio “in odio alla fede”.

Don Puglisi quindi è e rimarrà un esempio da seguire per i cattolici, per la sua evangelizzazione, ma lo è anche per i laici, visto il suo impegno sociale

Don Puglisi Beato, un esempio per cattolici e laiciultima modifica: 2013-05-11T07:56:00+00:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Don Puglisi Beato, un esempio per cattolici e laici

Lascia un commento