Emanuela Orlandi: Vaticano, IOR, Banda della Magliana & C.

Emanuela Orlandi Vaticano IOR Banda della MaglianaCi risiamo: ieri a Chi l’ha visto un semi-sconosciuto regista – fotografo ha affermato di sapere la verità sul caso Emanuela Orlandi, riaccendendo i riflettori su uno dei più intricati Misteri d’Italia.

Marco Fassina Accetti si è autodenunciato, dicendo che avrebbe fatto parte di nucleo di controspionaggio, il quale sarebbe stato posto in opera per mettere sotto pressione il Vaticano.

Accetti ha consegnato quindi alla redazione di Chi l’ha visto ( che da sempre si occupa di questo caso) quello che dovrebbe essere il flauto di Emanuela Orlandi, che aveva con sè il giorno della scomparsa, il 22/06/1983.

Quindi a giugno saranno esattamente 30 anni che questa povera ragazzina di soli 15 anni scomparve in circostanze che tuttora portano solo a delle ipotesi e teorie ma che non sono mai state definitivamente chiarite dalla giustizia italiana.

La ricostruzione:

Emanuela è una cittadina Vaticana, è la figlia di un commesso della Prefettura della Casa Pontificia (l’organo vaticano che si occupa delle cerimonie del Pontefice). La mattina del 22 giugno mentre va a scuola di musica, nei pressi della Basilica di S. Apollinare, per strada incontra un uomo che le offre un lavoro di vendita di cosmetici; prima di fare ritorno a casa telefona alla sorella parlandogli di questo particolare, ma la sera non fa più ritorno.

Nei primi giorni sembra che questo caso fu considerato solo una ‘scappatella’ di un’adolescente, fincheè il 25 giugno arrivò una chiamata di un uomo, che si presentava come Pierluigi e che diceva di aver incontrato 2 ragazze a Campo de’ Fiori che vendevano cosmetici, una delle 2 corrispondeva ad Emanuela.

E’ solo la prima di tante testimonianze, telefonate, e DEPISTAGGI che si hanno sul caso Emanuela Orlandi, e che ancora continuano, come si può vedere: 

emanuela orlandi

LE IPOTESI SUL CASO EMANUELA ORLANDI:

La pista dell’attentato al Papa:

2 anni prima Giovanni Paolo II° scampò miracolosamente ad un attentato in Piazza San Pietro, a sparargli Alì Agca, in quegli anni ci furono molti depistaggi di servizi segreti dell’est ( che poi si scoprì che commissionarono lo stesso attentato) che hanno cercato di legare il caso Orlandi a questo eposodio; solo anni più tardi un ex-ufficiale dei servizi segreti della Germania dell’Est disse che usarono il caso Orlandi per depistare le indagini degli inquirenti sui veri autori dell’attentato, nel 2007 il pentito della Banda della Magliana, Antonio Mancini confermò che nel rapimento di Emanuela Orlandi era stato ‘roba Nostra’, cioè era direttamente implicata la famosa organizzazione a delinquere romana.

L’ipotesi IOR – Banda della Magliana e riciclaggio di danaro sporco:

emanuela orlandi iorIn 30 anni di testimonianze con riscontri e di depistaggi, i nomi che vengono sempre alla luce sono quelli della Banda della Magliana ( che avrebbe condotto materialmente il sequestro) e quello di Monsignor Marcinkus , ora deceduto e all’epoca capo dello IOR. Si è parlato più volte di ‘uno sgarro’ che lo IOR avrebbe fatto alla mafia romana, nel riciclaggio di 20 miliardi di lire dell’epoca, provenienti dalle varie attività illecite della stessa banda, per questo l’organizzazione criminale  sequestrò questa ragazzina vaticana, con il tempo però Enrico De Pedis, detto Renatino ( uno dei capi della banda) perdonò lo stesso Marcinkus, prova ne sarebbe che lo stesso Renatino fu seppellito nella Basilica di Sant’Apollinare in Roma, come un grande benefattore della Chiesa.

Questa ipotesi è stata recentemente ripresa da una testimonianza giudiziaria che parla anche di alcuni particolari: una donna che all’epoca era la fidanzata di uno dei capi della banda.

In questa ipotesi entra anche un’altro fattore, che è scritto in un libro di recente pubblicazione, che darebbe Emanuela Orlandi come figlia naturale di Monsignor Marcinkus, il libro è stato scritto da una fotografa il cui nome è Roberta Hidalgo.

Ipotesi pedofilia:

Un’altra delle ipotesi che si fecero, è quella che Emanuela, morì durante un incontro sessuale , forse con un alto prelato, e che per depistare le indagini la Banda della Magliana si sarebbe prestata a fare le telefonate che parlavano di Emanuela, questa ipotesi è stata recentemente riaccesa da un libro dedicato al caso.

Le ultime novità: depistaggi o sviluppi?

banda della magliana emanuela orlandiDifficile dirlo, magari la verità è sotto i Nostri occhi e non sappiamo vederla, gli ultimi svillupi dell’inchiesta si stanno concentrando proprio inrorno alla Basilica di S. Apollinare dove questa storia sembra iniziare e finire, ma  di certo i depistaggi in queste inchieste che si sono succeduti in questi 30 anni non aiutano a chiarire la verità, poco tempo fa ad esempio furono trovati 2 teschi in Vaticano, sotto le colonne di Piazza San Pietro, che le prime ipotesi davano come i teschi delle 2 ragazze scomparse in quei primi giorni dell’estate del 1983: Emanuela Orlandi e Mirella Gregori  –  anche lei 15enne che scomparve 1 mese prima di Emanuela, scomparsa che da sempre fu legata a quella di Emanuela, in quanto nella prima telefonata anonima alla famiglia si disse che la ragazzina era in compagnia di una sua amica a Campo de’ Fiori – teschi che finora sono risultati un altro depistaggio: il primo è di epoca medioevale, il secondo.. ancora non è stato analizzato. c’è da dire che in questi ultimi mesi gli inquirenti della Polizia scientifica stanno controllando oltre 400 scheletri antecedenti il 1800, trovati sotto la Basilica di S. Apollinare, proprio per vedere se lì ci sono i resti delle 2 ragazzine scomparse nell’83.

Emanuela Orlandi è viva?

Anche quest’ultima autodenuncia dell’Aglietti dice che Emanuela sarebbe in una clinica psichiatrica in Inghilterra, continuamente sedata; già l’ipotesi che fosse viva fu fatta da Alì Agca, il quale diceva che queste 2 ragazze erano in una lussuosa villa oltralpe.

Resta il fatto che Emanuela è stata quasi certamente rapita contro la sua volontà, ed è stata usata come strumento di affari più grandi di Lei: intrighi internazionali, depistaggi terroristici, depistaggi della criminalità organizzata, scoop giornalistici.

Emanuela Orlandi: Vaticano, IOR, Banda della Magliana & C.ultima modifica: 2013-04-27T11:29:00+00:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento