Archeologia: il mistero delle origini delle civiltà europee

Archeologia mistero origini civiltàUn articolo della rivista Nature confermerebbe la teoria degli antichi alieni astronauti ?

Ci sono ormai da tempo degli studi che stanno cercando di capire se in Europa la civiltà degli agricoltori è stata importata da scambi culturali oppure dalla migrazione di popolazioni provenienti dagli altopiani della della Turchia e della mezza luna fertile.

Secondo un recente studio questo vero e proprio mistero , invece di dipanarsi si sta intensificando…

Per quello che riguarda le migrazioni di popolazioni c’è la conferma, quindi SI i primi agricoltori europei erano diretti discendenti dei primi agricoltori turchi ed anatolici, che arrivarono in Germania ed Italia ( paesi di provenienza degli scheletri da cui è stata fatta questa ricerca sul DNA foto in alto a destra) intorno al 7.500 anni fa,  ma…

Ad un certo punto, cioè circa 4.500 anni fa questo ‘ceppo’ scomparì, e non si sa bene perchè…

archeologia misteriIl patrimonio genetico di questi primi uomini che presero parte alla rivoluzione agricola, non è così presente percentualmente negli attuali europei…

Il tutto sembrerebbe legato alla cultura del vaso campaniforme, (foto a destra)  o pre-celtica ( età del rame) .

Sarebbero stati quindi i nonni dei celti ( gli stessi antenati che poi costruirono  Stonehedge) a spazzare via questi popoli di origini medio orientali, prendendone però le tecniche di coltivazione dei campi.

Il co autore della ricerca Wolfgang Haak, del Centro australiano per il DNA antico su Nature ha detto in una dichiarazione: “Questa diversità genetica è stata poi modificata ulteriormente dall’ arrivo e dall’ espansione di culture provenienti dall’ Iberia e da  oriente durante l’ultimo periodo più recente del neolotico“.

Quindi ancora un altro tassello che l’archeologia ci aiuta a mettere nel misterioso puzzle delle origini dell’uomo

Archeologia: il mistero delle origini delle civiltà europeeultima modifica: 2013-04-25T23:15:00+00:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento