Papa Francesco primo americano, primo gesuita

Vengo dalla fine del mondo: con questa frase, ieri c’é stata una rivoluzione al soglio di Pietro, una tempesta di cambiamento epocale, oscurata però da un grande pessimismo generale, quello dei media italiani ed argentini, che accusano Papa Francesco di essere stato colluso con il regime militare argentino.

Un mio amico che faceva il cameriere e che poi decise di mettersi dei panni da donna per andare a prostituirsi mi diceva sempre: “Facile, fare i froci col culo degli altri”. Ecco in questa perla di saggezza popolare c’è la risposta alle mille domande di perché la Chiesa non si schieri ufficialmente contro i vari regimi: forse perché ha dei suoi adepti lì, e forse perché in questo ultimo secolo le vere e proprie stragi di preti, frati e suore durante il regime nazista in Germania, il regime comunista in Russia e lo stesso regime militare argentino ( che ha ucciso persino un Vescovo oltre a semplici preti) non sarebbe stato producente ai fini di preservare la vita dei fedeli?

papa francesco primo americano primo gesuita

Il Papa americano:

Ancora non ci si è ripresi dall’ubriacatura dell’elezione del nuovo Papa che non si riesce bene a capire l’importanza di avere il primo pontefice americano, o meglio: sudamericano. Il sudamerica sta avendo un’enorme importanza sullo scacchiere socio-politico mondiale. Ha le risorse, ha una lingua che in molti capiscono, si sta allontanando dagli USA. Ormai da anni si auspica di avere un Papa americano, ma in un periodo in cui la chiesa cattolica degli Stati Uniti é pervasa dai noti scandali di pedofilia, un vero cancro da quelle parti ecco un Papa sì americano, ma argentino.

Il Papa gesuita:

Ci sono cose che mi piacciono ci sono altre che non mi piacciono” è questa la dichiarazione del cardinale  Jorge Mario Bergoglio rispetto all’ordine di Gesù, fondato da Ignazio de Loyola , che tanto potere ha avuto nei secoli, potere finito nel 1773 quando l’ordine fu soppresso, è vero, è stato riaperto ma i suoi poteri sono notevolmente ridotti, rispetto ad un tempo, ed ora la forza della compagnia di Gesù sta solo nell’evangelizzazione: le sue università sono sparse in tutto il mondo e sono tra le più prestigiose.

Cosa dovrebbe fare il nuovo Papa?

Secondo i laici non ci sono dubbi: allontanare la pedofilia, allontanare quel sistema di potere perverso sullo IOR, che in molti attribuiscono proprio ai cardinali italiani. 

Onorificenze della Santa Sede:

  • Gran Maestro dell’Ordine Supremo del Cristo
  • Gran Maestro dell’Ordine dello Speron d’Oro
  • Gran Maestro dell’Ordine Piano
  • Gran Maestro dell’Ordine di San Gregorio Magno
  • Gran Maestro dell’Ordine di San Silvestro Papa

 

Pubblicazioni:
  1. Meditaciones para religiosos, 1982
  2. Reflexiones sobre la vida apostólica, 1986
  3. Reflexiones de esperanza, 1992
  4. Diálogos entre Juan Pablo II y Fidel Castro, 1998
  5. Educar: exigencia y pasión, 2003
  6. Ponerse la patria al hombro, 2004
  7. La nación por construir, 2005
  8. Corrupción y pecado, 2006
  9. Sobre la acusación de sí mismo, 2006
  10. El verdadero poder es el servicio., 2007
  11. Mente abierta, corazón creyente, 2012

 

 E Voi, che ne pensate di Papa Francesco?

Papa Francesco primo americano, primo gesuitaultima modifica: 2013-03-14T08:00:00+00:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Papa Francesco primo americano, primo gesuita

  1. Quello che sto per svelarvi l’ho detto solo alla mia famiglia e ad un pugno di amici. Adesso è di dominio pubblico.
    Il giorno 12 febbraio c.a. la mattina come mi sono alzato per andare a lavoro, la prima cosa che ho detto a mia moglie è stata: “Questa notte ho sognato il papa Woityla” siccome il sogno era abbastanza lungo ho detto a mia moglie “E’ da interpretare” te lo racconterò quando torno a casa dopo il lavoro.
    In ufficio intorno alle ore 11,00 circa, stupore dello stupore, il papa Ratzinger si è dimesso, queste erano le prime notizie che si leggevano su internet, tradotte per prima da una giornalista Ansa che conosce il latino.
    Ma allora ho pensato sono un privilegiato, ho saputo la notizia prima di tutti (o quasi) che il papa si dimetteva, però il sogno lo dovevo interpretare. Ancora adesso qualcosa del sogno non mi è chiaro, ma una certa percezione c’è l’ho. Il papa Woityla nel sogno era amareggiato, molto amareggiato, lo si vedeva dal suo volto molto cupo. Quello che mi ha colpito nel sogno è che quando lo accompagnavo ho sentito un profumo che veniva dai suoi abiti, un profumo molto delicato che assomigliava tanto a un profumo di abiti lavati. Mi fermo quì.

Lascia un commento